Olivello spinoso

L'olivello spinoso è un campione di sopravvivenza, una pianta dalle proprietà straordinarie, utilizzata da WELEDA da molto tempo: il succo delle bacche dell'olivello spinoso permette di preparare, da più di 50 anni, la bevanda fortificante “Sciroppo di Olivello”. Fino a circa il 1980, i raccolti delle bacche di olivello spinoso nei siti montagnosi e inesplorati del Friuli, nella valle del Mesocco o sulle Alpi mediterranee francesi, erano molto abbondanti.
 
Lo sviluppo dei centri abitati, l’estensione selvaggia delle costruzioni fino alle regioni montagnose hanno reso questi raccolti di frutti selvatici molto difficili. WELEDA s’è quindi messa alla ricerca di un partner in grado di coltivare l'olivello spinoso, trovandolo nella persona di Kurt Künzi. Non solo questi è un pioniere in materia di colture biodinamiche dell'olivello spinoso, ma conosce anche la pianta e i suoi segreti in maniera ammirabile. Stabilendosi con la sua famiglia nella sua proprietà di San Mario in Toscana, egli ha realizzato un sogno che coltivava da lungo tempo, ovvero la messa a coltura di una pianta selvatica. Osservando con attenzione i processi di crescita e analizzando costantemente i componenti di 120 varietà selvatiche, K. Künzi e il suo gruppo sono riusciti a selezionare, per moltiplicazione vegetativa, le varietà adatte al loro sito. K. Künzi e i suoi collaboratori hanno dovuto dare prova di grande pazienza e perseveranza. Oggi gli arbusti di olivello spinoso della migliore specie si dondolano al vento sugli 80 ettari, sotto il cielo sempre radioso della Maremma nei pressi di Pisa. WELEDA è felice di poter trasformare in elisir e in prodotti per la cura del corpo queste bacche di olivello spinoso d’eccellente qualità.


 

 


versione stampabile